Taveggia

Zero qui: Guarda Milano che scorre al di là delle vetrine

Contatti

Taveggia Via Visconti di Modrone, 2
Milano

Orari

  • lunedi 7:30–20:30
  • martedi 7:30–20:30
  • mercoledi 7:30–20:30
  • giovedi 7:30–20:30
  • venerdi 7:30–20:30
  • sabato 8–20
  • domenica

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Prezzo

Scritto da Simone Muzza il 3 maggio 2017

Il tempo è passato, Taveggia non è più in bianco e nero, ma l’atmosfera non è cambiata in questo luogo che trasuda esprit de Milan più del cotto di Santa Maria delle Grazie. Quello che invece è cambiato è la qualità del cibo e delle bevande, a cui i continui passaggi di proprietà non hanno certo giovato. Nato nel 1909 in Porta Venezia, Taveggia si trasferì in Visconti di Modrone nel 1930 ha avuto clienti prestigiosi come Carla Fracci, Wally Toscanini e Renata Tebaldi. Fu anche scelto per l’ambientazione del film “Il Sospetto” di Francesco Maselli, con Gian Maria Volonté. Scrisse Giovanni Gandini, il fondatore di Linus, “Taveggia è un rifugio raro in città, dove si poteva scrivere una comparsa, avere il piacere di un incontro e una conversazione educata, una consumazione al prezzo giusto. Chissà se ritroverò quell’angolo del bar, in fondo, con la vista su chi entra. Fu lì che, non pochissimi anni or sono, vidi una bella signora con una figlia sorridente, tutte e due con gli occhi blu. Una l’ho sposata, non si poteva resistere alla magia del Taveggia”.
Insomma, di Taveggia rimane giusto la sua storia, da assaporare sorseggiando un tè o un Punt e Mes guardando Milano che scorre al di là delle vetrine.