La Santeria di Mare - Pizzicheria di pesce

Zero qui: spizzica pesce e beve vini naturali

Alberto Blasetti / www.albertoblasetti.com

Foto di Alberto Blasetti

Contatti

La Santeria di Mare - Pizzicheria di pesce via Del Pigneto 209, 209
Roma

Orari

  • lunedi 18:30–02
  • martedi 18:30–02
  • mercoledi 18:30–02
  • giovedi 18:30–02
  • venerdi 18:30–02
  • sabato 18:30–02
  • domenica 12:30–16 , 18:30–02

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Cucina

Prezzo

Scritto da Nicola Gerundino il 3 ottobre 2017
Aggiornato il 21 maggio 2019

La Santeria di Mare nasce come costola di un’altra Santeria, la Pizzicheria-Bistrot di Via del Pigneto, che da diversi anni sazia i suoi astanti a suon di intingoli, sughi e taglieri, e li disseta servendo ottimi vini, ormai pressoché tutti naturali. Mai occasione fu più appropriata per utilizzare il termine costola, perché i due locali sono uno di fianco l’altro: al civico 213 “l’originale” al 209 il secondogenito, che ha preso gli spazi una volta appartenuti a Yakiniku, ristorante giapponese dai nobili intenti, ma con fortune uguali e contrarie. In cosa si differenziano le due Santerie? Presto detto: la prima scelse la terra, la seconda ha optato per il mare. Quello che non cambia è l’approccio “leggero” alla cucina, per poter giocare sui sapori, sui formati, senza doversi ancorare alla classica formula dell’antipastoprimosecondo; così come non cambia la cura per le materie prime e un’offerta di vini che punta tutto su piccole realtà e bottiglie naturali. Ad esempio, anche alla Santeria di Mare ci sono le Pagnottelle, farcite con polpo verace, salsa di pecorino, peperoni arrosto e cipolla Chutney (Nautilus, € 12) o con baccalà in olio di cottura, pecorino e maionese alla menta (Venerdì, sempre € 12); oppure le Scarpette: con ricciola alla cacciatora, polpo alla luciana o trippa di ombrina alla romana (tutte € 9); o ancora i taglieri con crudi secondo pescato, ‘nduja o porchetta di tonno (eccezionali entrambe). Poi alcuni piatti più classici, come la tartare di palamita, il polpo rosticciato e anche i primi, novità rispetto all’altra Santeria – leggasi maltagliati in brodetto di totano e salsiccia (€ 14), paccheri all’amatriciana di mare (€ 13). Vini naturali da tutta Italia, ma anche da Francia, Spagna, Germania e Portogallo, con un occhio particolare alle bollicine, nostrane o Champagne. C’è una sala principale con anche un bancone e la cucina a semi vista, poi un giardinetto esterno, infine un oyster bar all’ingresso. Si parte sempre dall’aperitivo, con la possibilità di dedicarsi a crudi, fritture e ostriche già dalle ultime ore del pomeriggio. Si salpa tutti i giorni della settimana.