Al volante dei leoni: Ari Vatanen, il leone delle nevi

Si dice che chi nasce in Finlandia abbia poche alternative per divertirsi. Una è senz’altro la guida sulla neve.

Scritto da Edoardo Rossi il 29 agosto 2018

Si dice che chi nasce in Finlandia abbia poche alternative per divertirsi. Una è senz’altro la guida sulla neve. Questo ha fatto sì che quella terra sfornasse una serie numerosissima di piloti straordinari. Tuttora ne è pieno il motor sport. Emergere dalle nebbie lapponiche però non è semplice, la concorrenza è forte e Vatanen c’è riuscito… e alla grande! Il bello è che è diventato un campione su tutte le superfici compresa la sabbia. Dopo il brutto incidente al Rally d’Argentina del 1985 Ari, già campione del mondo nel 1981, torna e aggredisce il deserto vincendo la Parigi-Dakar nella gara di esordio con la mitica Peugeot 205 T16 che porterà in seguito alla vittoria nella maratona africana anche nel 1987, ‘89 e ‘90. A rovinare il poker consecutivo di vittorie il misterioso furto della sua Peugeot avvenuto a poche tappe dalla fine nell’edizione del 1988. Con quest’auto affronterà anche la storica cronoscalata Pikes Peak del 1987. Con l’esperienza raccolta verrà elaborato un nuovo modello, la Peugeot 405 T16 Pikes Peak con la quale stabilirà il record della gara nel 1988. Proprio un vero leone delle nevi… e non solo! E. R.

PALMARES

1 titolo
101 rally
27 podi
4 dakar