HAVEN FESTIVAL

L'11 e il 12 agosto a Copenaghen arriva un festival gourmet dove la qualità - musicale e culinaria - è al centro di un'esperienza multisensoriale a misura d'uomo

Scritto da Matteo Quinzi il 27 giugno 2017
Aggiornato il 11 luglio 2017

Sono un po’ di anni che Copenhagen è diventata uno degli epicentri creativi su scala mondiale della ristorazione. Ricerca, tradizione nordica e contaminazioni a 360° hanno portato “artisti/attivisti” del cibo come Claus Meyer a conquistare anche New York con le proprie visioni culinarie. E perché non abbinare all’esperienza gustativa/olfattiva/tattile/visiva anche quella uditiva? Magari ponendosi al polo opposto di un mega festival come Roskilde?

E così ecco nascere con l’aiuto dei fratelli Dessner (The National) l’Haven, che debutterà quest’anno. Un festival gourmet che si pone in maniera multisensoriale e, sulla carta, con la massima qualità possibile. Al cibo ci penserà Meyer più altri chef locali e internazionali come Guy Rawlings (Toronto) e Sergi De Meia (Barcellona). Al bere il pluripremiato birrificio “fantasma” Mikkeller che ha ideato due “house beers” per l’occasione. I piatti forti del menù musicale sono Bon Iver, Iggy Pop, Beach House, Feist, Band Of Horses, Conor Oberst, Tinariwen, Perfume Genius, Mouse On Mars, SBTRKT oltre ovviamente ai “padroni di casa” The National che presenteranno in anteprima i brani del nuovo album Sleep Well Beast in uscita a settembre.

-festival-copenhagen

Con delle premesse simili sono certo che se potesse partecipare all’Haven anche Shakespeare dopo qualche secolo cambierebbe idea sulla Danimarca e sugli usi e costumi locali.