Cassa dritta e pedalare: i party da non perdere a gennaio a Roma

Come, dove, quando e chi ballare: ZERO fissa l'agenda mensile del perfetto clubber capitolino.

Courtesy

Scritto da La Redazione il 1 dicembre 2019
Aggiornato il 9 gennaio 2020

Gennaio è il mese più rigido e lungo, quello dove è un piacere chiudersi in un club per scaldarsi e trovare le giuste temperature, a cominciare dal primo giorno, quando l’after è di casa e per 24 ore il letto è un perfetto sconosciuto.

Superato lo scoglio del post capodanno, i bpm tornano quelli giusti grazie ai party della befana e quest’anno sono da segnarsi quello firmato Nozoo e Rebel Rebel – per chi vuole tenere dritta la barra musicale – e quello firmato Borghetta Stile – per chi è in vena di cazzeggi folli e vuole chiudere le ferie in maniera scanzonata.

Rebel Rebel sarà protagonista anche di altre due appuntamenti per cultori, ospitando sia il collaudatissimo Ryan Elliott che la new sensation Courtesy, così come Touch The Wood che presenterà il suo tradizionale appuntamento dedicato ai nuovi volti della “Scena”, The Future State, il campioncino della trap italica Paky e la protégée di Kanye West 070 Shake. Ancora in casa Goa, da segnare in rosso ci sono due appuntamenti firmati Ultrabeat: l’accoppiata Anthony Linell-Adiel e l’intramontabile baffetto sardonico di Atom™.

Due gli appuntamenti clou al Cieloterra: il recupero della data dicembrina degli WhoMadeWho e l’astronave detroitiana tra house e techno pilotata dagli Octave One per Dot; due anche gli highlight per The Sanctuary: Withesquare e il sempre gradito Acid Pauli. Dulcis in fundo, una di quelle date fuori di testa con le quali il Klang ci sta viziando da un anno a questa parte: gli irlandesi Lakker.