20 anni di Vodafone / Connettività

Vent’anni fa, Vodafone è entrata nella vita degli italiani per aiutarli a comunicare. Per il compleanno ha deciso di raccontare alcuni dei momenti più importanti di questa storia, che Zero ha trasformato in una guida agli eventi e ai locali di Roma.

Scritto da Nicolò Zuliani il 26 novembre 2015

Per arrivare primi servono talento e dedizione. Per rimanere in testa servono lungimiranza e costanza. Nel 2004, Vodafone in Italia lancia la navigazione mobile su rete 3G, mettendo a disposizione degli italiani internet veloce in mobilità, prima dal proprio PC, poi anche dal telefono.

Pizza e mortazza
Una coppia entra in un ristorante di nouvelle cuisine, mangia 98734 portate, spende l’equivalente del PIL portoghese ed esce che ha ancora fame. Questa scena l’abbiamo vissuta tutti e il finale è sempre lo stesso: un panino con la mortadella mangiato in piedi davanti al camioncino del venditore ambulante. Roma ha fatto di questa scena un business multimilionario, anche grazie all’ondata hipster che chiama la trattoria dell’angolo “slow food” e il panino all’angolo “finger food”. Oggi il vero globetrotter è felice di pagare somme favolose un panino che, se fatto a casa, costerebbe un euro. L’ambulante più famoso di Roma è senza dubbio l’ape cross rosa di “Pizza e mortazza”. Ha un sito internet molto curato e davanti al suo furgoncino è facile incontrare imprenditori, architetti, medici e soprattutto creativi. Qui le anime simili si riconoscono ripetendo vocaboli arcani tipo “dis-fashion”, “industrial”, “vintage”, “bio” e “non-luogo”. È la grande fuga verso le periferie e le cose vere, che vengono tanto bene su Instagram.
pizzaemortazza.it

Cohouse Pigneto
Un loft in stile newyorkese, dj set, cene gourmet preparate da chef stellati e tre tavolate per un totale di settanta persone. In aggiunta, un budget decisamente friendly. Il Cohouse è un club privato cui possono accedere solo i soci; per far parte di questa confraternita non si sa quali siano i requisiti, ma siamo certi che avere gli occhiali a montatura grossa, i risvoltini ai pantaloni e le calze sgargianti siano un ottimo aiuto. Di sicuro, il Cohouse è uno di quei posti dove non puoi dire di essere finito per sbaglio.
cohouse-roma.com

Portuense 201
Nell’ex vaccheria Riccioni, costruita nel 1910, nasce quello che si autodefinisce “distretto culturale e creativo”, ossia un covo di designers selvatici che si ritrovano a discettere di sfumature di colori invisibili all’occhio umano. È da realtà come queste che possono nascere grandi capolavori o, più spesso, storie d’amore dal sapore liceal-matricolare condite da paghette dei genitori. Assolutamente moderno e attuale, anche se difficile da spiegare al nonno che lavora i campi da tutta la vita.