Alfonso Soranzo

«C’è un legame profondo in essere con i ragazzi che organizzano la Terra Trema, una sorta di riconoscimento profondo nel fare le cose e nel viverle allo stesso modo»

Claudio Solito e Alfonso Soranzo si incontrano e si scambiano due bottiglie - © http://www.laterratrema.org/

Foto di La Terra Trema

Scritto da Simone Muzza il 13 novembre 2015
Aggiornato il 23 gennaio 2017

In occasione di La terra trema, l’appuntamento dedicato a vini e vignaioli autentici e indipendenti, agricolture periurbane, cibo e poesia dalla terra che ci ha fatto conoscere e innamorare di tantissime bottiglie e storie, abbiamo fatto una chiacchierata con alcuni tra gli espositori, scelti con gli organizzatori dell’evento novembrino al Leoncavallo perché tra i più rappresentativi della manifestazione: dopo Emanuele Crudeli di Terre Apuane e Renato Buganza, è la volta di Alfonso Soranzo (Este, 06/11/1968) dell’Azienda Agricola Monteforche di Zovon di Vò (PD). Nella foto di copertina, a destra del suo collega viticoltore Claudio Solito.

ZERO – Hai un ricordo d’infanzia legato al vino?
Alfonso Soranzo – Il moscato rifermentato in bottiglia di mio padre con la torta margherita che faceva mia nonna Emilia.

Ti sei sempre occupato di vini?

No. Ho studiato musica ma ho sempre aiutato i miei genitori nel lavoro nei campi, in vendemmia e in cantina. Mi sono appassionato al vino attorno al 1999.

Puoi presentare la tua azienda? L’hai ereditata dai tuoi genitori? In caso affermativo: hai apportato delle modifiche sostanziali nel modo di fare il vino?
Sì, e ho completamente cambiato tutto. Anche i clienti. Sono ritornato a fare il vino che mio padre faceva negli anni 60.

La stradina d'arrivo al Monte delle Forche e i Colli Euganei sullo sfondo -  © http://www.laterratrema.org/
La stradina d’arrivo al Monte delle Forche e i Colli Euganei sullo sfondo – © http://www.laterratrema.org/

Che uve coltivate, che vini producete, in che quantità, quanto costano?
Coltivo Cabernet Franc, Carmenere, Moscato bianco, Garganega, Merlot. Le quantità sono piccole in quanto coltivo 5.5 ettari di vigna, circa 15mila bottiglie all’anno.

Quante persone lavorano da voi?
Lavoriamo io e mio padre e a volte nei momenti più difficili ci aiuta qualche vicino.

Come descriveresti “La Terra Trema”? Hai già partecipato? Cosa ti ha spinto a prendere parte a questo tipo di evento?
C’è un legame profondo in essere con i ragazzi che organizzano la Terra Trema, una sorta di riconoscimento profondo nel fare le cose e nel viverle allo stesso modo.

A destra Alfonso Soranzo, in mezzo suo padre, a sinistra  Claudio Solito  © La Terra Trema
A destra Alfonso Soranzo, in mezzo suo padre, a sinistra
Claudio Solito © La Terra Trema

Naturale, biologico, biodinamico, artigianale… Le definizioni sui vini si sprecano, e il consumatore è sempre più confuso. Come definireste il vostro vino?
Io lo definirei legato a un territorio.

Il tuo vino contiene solfiti aggiunti? Se sì, perché?
Sì, ma a bassi dosaggi. Un leggera forma di protezione.

Ma un vino artigianale è migliore a prescindere da uno industriale? O è solo più sano? E poi, sei sicuro che zolfo e rame sono più sani per l’organismo?
Non lo so. Io cerco di fare quello che sento. Sicuramente la mentalità industriale ha come obbiettivo il guadagno a qualsiasi costo senza principi ed etica.

La maggior parte dei vini sul mercato sono prodotti con diserbanti, concimi di sintesi, pesticidi, ingredienti di originale animale… Sei favorevole a una normativa che costringa i vignaioli a scrivere tutto quello che c’è nelle bottiglie e come viene ottenuto il vino? Perché? Pensi sia un traguardo raggiungibile in tempi brevi?
Magari! Ma non penso succederà a breve.

La cantina di Alfonso Soranzo -© http://www.laterratrema.org/
La cantina di Alfonso Soranzo -© http://www.laterratrema.org/

3 bottiglie che porteresti sulla Luna.
Trebbiano di Valentini (una vecchia annata), sempre una vecchia annata di un Borgogno e il Chianti Classico Le Trame della Morganti.

Cosa bevi a parte il vino?
Acqua.

Cosa significa per te bere responsabilmente? Bevi tutti i giorni?
Non lo so. Bevo tutti i giorni.

E se ti è capitato di non bere responsabilmente, qual è il rimedio per una sbronza?
Bere un goccetto di vino il giorno dopo.

LEGGI LE ALTRE INTERVISTE DI ZERO PER LA TERRA TREMA 2015:

Gli organizatori
Emanuele Crudeli
Renato Buganza
Paola Leonardi e Walter Loesch
Marilena Barbera