Grekos

Zero qui: mangia pensando al Peloponneso.

Contatti

Grekos Via dei Gracchi, 282
Roma

Orari

  • lunedi 12–23:30
  • martedi 12–23:30
  • mercoledi 12–23:30
  • giovedi 12–23:30
  • venerdi 12–23:30
  • sabato 12–23:30
  • domenica 12–23:30

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Cucina

Prezzo

Scritto da Alberto Asquini il 1 agosto 2018
Aggiornato il 2 agosto 2018

Bisogna troncare subito i rapporti con l’estate e gettarsi a capofitto in una nuova storia con l’autunno/inverno senza guardarsi indietro? Oppure è bello crogiolarsi nel ricordo di tavolate, tuffi a bomba, ubriacature sulla sabbia e amori fugaci sotto le stelle? Se appartenete alla seconda categoria e soprattutto se avete appena passato le vacanze su un’isola della Grecia per accarezzare nuovi scampoli d’assenza (cit. colta), allora vi consigliamo di recarvi al più presto da Grekos, apertura di metà 2018 a Prati, forte dell’esperienza del ristorante Ippokrates di via Piave, tra i pochi di Roma in grado di definirsi tale. Rispetto alla casa madre, Grekos è di dimensioni più ridotte ed effettua anche servizio take away, ciò non toglie che si possa mangiare seduti a un tavolo, sia internamente che all’esterno. Nota importante: si può prenotare solo online, quindi evitate di arrivare là affamati e senza prenotazione altrimenti c’è il rischio che ordinate l’intero menu quando arriva il vostro turno. Arriviamo quindi alla carta. Probabile che almeno una volta nella vostra vita abbiate assaggiato una pita (€ 6,5) – in caso contrario, fatelo immediatamente! – per cui è possibile approfondire il discorso polpette (€ 7) – Melitzanokroketes (di melanzane), Revithokeftedes (di ceci), Kolokithokeftedes (di zucchine e menta, clamorose) – e il discorso antipasti, con la salsa di feta piccante e la feta fritta in prima linea. Se vi avanza spazio ci sono i classiconi, parecchio impegnativi: la moussaka (uno sformato di carne trita, melanzane, zucchine, patate e besciamella capace di bullizzare qualsiasi nostra parimgiana – € 11), o la carne al piatto, servita sotto forma di spiedino, polpetta o a listarelle (€ 13). Birre, vini rossi e bianchi vengono tutti dalla terra degli eroi, così come i distillati con cui disinnescare il blocco digestivo: rakomelo, metaxa, ouzo e mastiha.