Ristorante Enoteca La Torre a Villa Laetitia

Contatti

Ristorante Enoteca La Torre a Villa Laetitia Lungotevere delle Armi, 22
Roma

Orari

  • lunedi c–h
  • martedi 12:30–14:30 , 19:30–22:30
  • mercoledi 12:30–14:30 , 19:30–22:30
  • giovedi 12:30–14:30 , 19:30–22:30
  • venerdi 12:30–14:30 , 19:30–22:30
  • sabato 12:30–14:30 , 19:30–22:30
  • domenica chiuso

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Tips

Prezzo

Quello tra città e provincia è un rapporto da sempre a doppia mandata. Lo è anche in ambito culinario, a maggior ragione in questi tempi dove la vetrina e il cresciuto interesse per il cibo della prima si annoda alla materia prima e alla tradizione della seconda. Negli ultimi anni il passo lo hanno fatto, per esempio, Pipero, Colonna, Sforza. A loro quest’anno si è aggiunto Danilo Ciavattini, che ha seguito la viterbese Enoteca La Torre nel suo trasferimento a Villa Laetitia. Quello con l’entroterra è un rapporto più che mai vivo per Danilo – anche lui della Tuscia – e lo si capisce non appena si scorgono i nomi dei piatti e degli ingredienti in cui si annoverano, ad esempio, agnello, animelle, coregone, acquacotta alla viterbese, sparsi nei tre principali e costanti menu di degustazioni offerti al cliente: "Dalle radici ai rami", "Tra classici e novità" e "I colori dell’orto" – infrasettimanalmente, a pranzo, è possibile scegliere anche un menu ridotto a € 55. "La cucina e i prodotti del territorio sono estremamente importanti perché più si hanno vicino le cose e più si ha la possibilità di conoscerle bene. Mi affascina poter utilizzare un prodotto che sta nella quotidianità di ogni persona, come il pomodoro e la patata. Parto quasi sempre da dal gusto o dall’immagine di quel prodotto nel suo stato naturale". A questo, aggiungete il servizio e una location proprie di un locale stellato Michelin e avrete la sensazione di nutrirvi all’interno di un guscio morbidissimo.