Santeria (Toscana, 31)

ZERO hier: Viene per l'aperitivo, si ferma per il concerto e pure per il dopocena

Kontakte

Santeria (Toscana, 31) Viale Toscana, 31
Milano

Zeitplan

  • lunedi 18–01
  • martedi 18–02
  • mercoledi 18–02
  • giovedi 18–02
  • venerdi 18–03
  • sabato 11–03
  • domenica 11–01

Bitte überprüfe immer deine Informationen

Preise

Geschrieben von La Redazione il 17 November 2015
Aggiornato il 18 September 2019

Di Santeria si parla molto in città. Ed è inevitabile: d’altronde la proprietà è la stessa di Santeria, sedici „ragazzi“ (leggi qui l’intervista che abbiamo fatto loro) che da almeno 20 anni organizzano concerti ed eventi culturali, aprono spazi, mettono dischi, disegnano, scrivono, suonano e agitano una città che non è affatto addormentata, anzi. Santeria Social Club è la loro e nostra casa: uno spazio molto grande, ex concessionario della Volvo ai tempi in cui l’auto era ancora uno status symbol, poi diventato per qualche mese un club temporaneo dedicato alla techno. Prima che il comune aprisse un bando aperto a tutti, che i ragazzi della Santeria si sono aggiudicati senza santi in Paradiso.

La sala del bar ristorante - © https://www.facebook.com/santeriasocialclub/
La sala del bar ristorante – © https://www.facebook.com/santeriasocialclub/
 
Impossibile non notarlo dalla circonvallazione esterna, Santeria Social Club è innanzitutto un bar ristorante ampio, informale e ospitale: la cucina si muove tra ottime tapas, insalate e hamburger, mentre il bar – affidato ad Alvise Zonta e alla sua squadra – propone soprattutto buoni cocktail home made.

Oltre che per l’aperitivo, passateci nel dopocena o il sabato e la domenica a pranzo, quando sul piccolo palco si alternano concerti, preview di quello che succede nella teatro di Santeria Social Club.

Il theatre
Il theatre
 
Uno spazio davvero molto bello, una sala unica con grandi arcate grigie e una capienza di circa 500 persone con tanto di bar. SSC non finisce qui, ci sono anche anche coworking, print club e sala workshop. Passate a curiosare, l’impressione è quella di un luogo che a Milano mancava: in primis perché spesso, dopo i concerti, il pubblico si disperde, mentre qui avrà la possibilità di fermarsi al bar e di conoscersi e confrontarsi.

Simone Muzza