The Botanical Club (via Tortona)

ZERO hier: Mangia hawaiano, beve greco e si sente a Los Angeles

Kontakte

The Botanical Club (via Tortona) Via Tortona, 33
Milano

Zeitplan

  • lunedi 12–02
  • martedi 12–02
  • mercoledi 12–02
  • giovedi 12–02
  • venerdi 12–02
  • sabato 12–02
  • domenica 11–16 , c–h

Bitte überprüfe immer deine Informationen

Nahrung

Preise

Geschrieben von Simone Muzza il 20 Juni 2016
Aggiornato il 10 November 2017

A solo un anno di distanza dall’inaugurazione di The Botanical Club di via Pastrengo, Alessandro Longhin e Davide Martelli hanno aperto il 23 giugno 2016 il secondo locale in via Tortona 33, in una zona dove paradossalmente mancavano cocktail bar di qualità.

Il nuovo cocktail bar e ristorante è letteralmente spettacolare: ne avevo già intuito le potenzialità sbirciando i lavori al piano terra del palazzo di vetro in cui sorge, ma sinceramente non mi immaginavo un impatto del genere. Arriviamo all’ora di pranzo e c’è già un bel movimento, evidentemente i lavoratori della zona sono curiosi quanto me e riempiono i tavoli all’esterno che sfruttano la piazza di fronte al locale. Noi preferiamo entrare: mi colpiscono subito il grande spazio dominato dal bancone centrale ben fornito di sgabelli, la forte luce che passa attraverso le vetrate, le numerose piante che richiamano le botaniche da cui si ottiene il gin della casa Spleen et Ideal. «Se il primo Botanical potrebbe essere un locale di New York, qui ci si sente a Los Angeles» ci dice Ale, ed è strano essere d’accordo con lui pur non essendo mai stato in California.

the-botanical-club-lunch-menu

Do un’occhiata al menu, anche se ho già deciso di provare il poke (si pronuncia pokè, mi dicono), un piatto hawaiano. Scelgo quello con cubi di tonno pinna gialla, inamona, alghe e sesamo: è un piatto simile al chirashi ma molto più gustoso, con i chicchi di riso carnaroli che s’impregnano di inamona e diventano croccanti e il pesce molto buono, sicuramente di prima qualità. C’è anche la versione con salmone e teriyaki, Ishikura, noci di macadamia e papaya o vegetariana a base di avocado, barbabietole, pak choy, olio al tè matcha. Assaggio anche lo Juniper Burger con black bread al carbone vegetale, pollo ruspante al ginepro, raspadura di Parmigiano, sedano, salsa Ceasar e The Botanical Club Sandwich con salmone affumicato, avocado, chips di loto, entrambi molto gustosi. Sono presenti anche piatti di cucina italiana come fusilli cacio e pepe con purea di mele.
A questo link trovate tutto il menu con anche i drink, che cambierà ogni due mesi, con tanto di prezzi (portate dai 4 ai 22 €, cocktail 8-12) e piatti disponibili a tutte le ore .

the-botanical-club-quentin

Un’esperienza molto piacevole, talmente piacevole che decido di ritornare il giorno dopo per l’aperitivo e testare i cocktail 100% signature: drink ottimi, come del resto la musica in sottofondo e l’atmosfera di questo locale „spazzesco“!

Simone Muzza