ven 29.11 2019

FKA twigs

Dove

Fabrique
Via Fantoli 9, 20138 Milano

Chi

  • FKA twigs

Quando

venerdì 29 novembre 2019
H 21:00

Quanto

€ 28, 75 + d.p.

Foto di Sergio Albert

0:00
0:00
  • In Time

    FKA twigs

  • Two Weeks

    FKA twigs

  • Hide

    FKA twigs

Courtesy of Spotify™

La fine del decennio, si sa, è fatta di bilanci ed è difficile trovare molti nuovi artisti degli Anni Dieci più rappresentativi di Tahliah Debrett Barnett, in arte FKA twigs. Come tutte le espressioni pop più avant degli ultimi anni, è cresciuta artisticamente nella contraddittoria e divisa Londra del nuovo secolo. Artista, producer, musicista, ballerina, performer e soprattutto una delle voci black più imitate e intense di oggi. FKA twigs rappresenta l'”Oggi” e in fondo le è bastato un album uscito ormai cinque anni fa, lo stupefacente “LP1”, per portarla dall’underground all’immaginario mainstream internazionale. Un miracolo per una che non ha mai ceduto a tentazioni troppo pop, nonostante una presenza scenica che le potrebbe permettere qualsiasi tipo di palcoscenico.

Dal trip hop con una tendenza destrutturante a cavallo tra bass music ed elettronica è approdata, con il nuovo “Magdalene”, su paesaggi sempre freddi e artsy di una forma canzone più tradizionale, molto lirica e drammatica, da risposta femminile alle ultime suggestioni di Arca. Tra i credit, Nicolas Jaar in co-produzione, Future come featuring nel già noto singolo “holy terrain”, e poi Metro Boomin, Oneohtrix Point Never e Skrillex. Per il suo ritorno in Italia aspettatevi una delle performance più scioccanti e sconvolgenti che vi possano capitare a tiro, non solo musicalmente. Se avete in mente i suoi video di pole dance sapete probabilmente a cosa state andando incontro. Basta spoiler, dunque. In un’epoca tendenzialmente arida di emozioni forti, FKA twigs è uno dei doni più preziosi di questo decennio che volge al termine. E la lunga stagione di live epocali degli anni Dieci potrebbe idealmente chiudersi venerdì 29 novembre in questa imperdibile data unica al Fabrique di Milano.

Scritto da Piero Merola

Contenuto pubblicato su ZeroMilano - 2019-11-06