gio 23.09 2021 – dom 10.10 2021

Treviso Comic Book Festival

Dove

Treviso
Piazza dei Signori, 31100 Treviso

Quando

giovedì 23 settembre 2021 – domenica 10 ottobre 2021
H 10:00

Quanto

free

Contatti

Sito web

Organizzatore

Fumetti in Tv

Foto di Sonia Bellinaso

Ecco il programma completo del Festival e l’elenco delle esposizioni visitabili fino al 10 ottobre

Venerdì 24 settembre

Ore 19.00 Inaugurazione mostra
Rumatera: Imbrecanati nello spaziotempo” di Aa.Vv.
Pizzeria Piola, Via Carlo Alberto, 11
Orari: dal martedì alla domenica 19.00-01.00
Immaginate un Veneto in cui gli alcolici sono proibiti, le sagre sono vietate, il Papa abita a Venezia e i Rumatera sono una band neomelodica. Tutto questo per colpa di un trattore… “Rumatera – Imbrecanati nello spaziotempo” scritto da Nicolò Targhetta e i Rumatera per i disegni di tantissimi autori veneti: Thomas Bassano, Gaia Cesarano, Simon Panella, Marianna Pescosta, Nicola Pertile, Sandro Pizziolo e Marco Visentin.
Colori e chine di Alex Berti, Carla Orrù, Veronica Pegoraro, Giulia Pex e Luca Saglimbeni e spettacolare cover di Diego Bonesso. Un’avventura demenziale in un Veneto distopico e rocambolesco che farà sbellicare tutti (compresi i veneti).

Ore 19.00 Inaugurazione mostra in realtà aumentata
Mum, that picture is looking at me!” di Aa.Vv.
Pizzeria Piola, Via Carlo Alberto, 11
Orari: sempre aperta
Portare l’illustrazione fuori dai propri confini… sensoriali. Ecco al TCBF la prima mostra di realtà aumentata!
Dopo un’apposita call per intercettare illustratori e motion designer che fossero interessati a partecipare all’esposizione, ne sono stati selezionati 5 artisti. Sono nate dunque le illustrazioni che si animeranno grazie alla realtà aumentata: basta scaricare l’app del partner tecnologico Bepart, inquadrare le opere e godersi l’esperienza. Gli artisti esposti sono Corrado Podda, Gianluca Abbate, Annalisa Bano, Alessandra Kerstulovich + Pietro Dinon, Nicolò Tromben.

Sabato 25 settembre

Ore 12.00 Inaugurazione mostre (opening solo su prenotazione https://tcbf21.eventbrite.com/)
Davide Toffolo, Primitivo del futuro” di Davide Toffolo e “Rhytmic space” di Lucio Schiavon
Fondazione Benetton Studi e Ricerche, Via Cornarotta 7/9
Orari: giovedì e venerdì 15.00-19.00, sabato e domenica 10.00-13.00 / 15.00-19.00

Davide Toffolo, Primitivo del futuro” di Davide Toffolo
Musica e fumetto convivono indissolubilmente nel lavoro e nella pratica artistica di Davide Toffolo. In mostra sono esposti 150 disegni, tavole originali, serigrafie, videoclip animate, realizzate in particolare a partire dai primi anni ’90, quando Toffolo fonda la band dei Tre Allegri Ragazzi Morti con Enrico Molteni e Luca Masseroni. Il gruppo si propone subito come un’officina creativa con una direzione chiara a partire dalla comunicazione in cui i 3 musicisti si presentano con una maschera. Un’identità celata, ma esaltata in un pensiero di espressione collettiva e non individuale che immediatamente conquista un largo pubblico. L’ipotesi di un duplice binario che unisce la musica e il fumetto per Davide Toffolo cominciava da prima, nella scena punk pordenonese, ma trova un grado di riflessione maturata e resa esplicita nei fumetti di quegli anni, come “Piera degli Spiriti“, e nella saga dei “Cinque allegri ragazzi morti“, una trasposizione di un immaginario che scavalca i limiti del rapporto tra i generi. Nelle tavole in mostra leggiamo, come in una carrellata, i salti di questo limite e soprattutto il concetto di una modalità di produzione originale e indipendente. È soprattutto un modo di raccontare con una sensibilità autoriale quello che traspare dai testi delle canzoni e dei fumetti, con una visione che affonda le sue radici in una attenzione ai temi degli adolescenti, ai temi femminili e a quelli più stringenti la contemporaneità. Esposizione a cura di Paola Bristot.

Rhytmic space” di Lucio Schiavon
Il segno ripetuto, mai uguale, istintivo e gestuale, che diventa città, paesaggio, onde, ritmo. Questo è il fil rouge della mostra, questo il tratto caratteristico delle opere di Lucio Schiavon. Attraverso un gesto veloce e sicuro, che vuole divertirsi e sperimentare, l’artista traccia sulla carta mondi vicini e mondi lontani, raccontando della nostra Venezia, ma anche di New York o di paesaggi senza tempo. Questo tratto, trasmesso attraverso medium sempre diversi – grafite morbida, pastelli, china – racconta e diventa narrazione di città, eventi, persone. La mostra vuole rincorrere questo ritmo proponendo tre spazi distinti, ma allo stesso tempo interconnessi tra loro. Ad accogliere il visitatore, una struttura centrale che raccoglie le tavole originali del suo ultimo lavoro, quello più personale forse: “Please! Don’t use Birkenstock if you have an appointment at the New Yorker. Ok?“. In questo, come in tutti i suoi lavori, la musica è un sottofondo imprescindibile, qualcosa che ha ispirato il gesto, che ha tradotto il ritmo in segno.
Tutto attorno a questo spazio, una selezione di altre opere in cui il segno passa da paesaggi antropizzati a paesaggi naturali. E via via, prende vita, si colora! Per offrirci un excursus sul suo percorso più recente come artista e illustratore.

Ore 19.00 Inaugurazione mostra
Notorious B.I.G. sky’s the limit” di Paolo Gallina
Dump, Galleria Bailo, 7
Orari: dal martedì alla domenica 18.30-01.00, domenica 26 settembre 15.00-01.00
“The Notorious B.I.G. Il cielo è il limite” è un fumetto scritto da Antonio Solinas e disegnato dal trevigiano Paolo Gallina, edito da BeccoGiallo Editore. Dalle prime battaglie freestyle per le strade di Brooklyn fino alla consacrazione come uno dei rapper più influenti della storia, la carriera fulminante di Christopher Wallace aka Notorious B.I.G. rivive in questa biografia a fumetti senza censure. Dopo il successo di “Tupac Shakur” sempre edito da Beccogiallo e in attesa di ristampa, vincitore del Boscar come autore rivelazione, Gallina in duo con Solinas torna a narrare la storia dell’hiphop in quella che probabilmente è la prima graphic novel dedicata a B.I.G.

Domenica 26 settembre

Ore 13 Inaugurazioni mostre (solo su prenotazione https://tcbf21.eventbrite.com/)
Il Gigante Osvaldo”, “Underground”, “Overground”, “Breakdown press è diventata grande
Palazzo Robegan (Ca’ da Noal), Via Canova, 38
Orari: dal martedì alla domenica 16.00-19.00, 25 e 26 settembre 10.00-19.00

Il Gigante Osvaldo” di Eleonora Simeoni
Il Gigante Osvaldo, esordio illustrato di Eleonora Simeoni pubblicato da Boehm, è la storia di un incontro sorprendente, e di una città che non dorme mai. Il suo nome è Bottone, e i suoi abitanti sono cappellai abilissimi e lavorano senza sosta giorno e notte. C’è un gigante di nome Osvaldo che gira con il suo carillon e libera i sogni sulle città silenziose e addormentate. L’opera è una raccolta di tavole illustrate dipinte a mano, con tratti unici e tonalità soffuse e delicate. Con una quasi totale assenza di testo scritto, l’albo riesce a trasportare il lettore all’interno di un mondo immaginario in cui Osvaldo, il protagonista, cerca di combattere i pregiudizi legati al suo aspetto fisico con l’arma della gentilezza. Dalla prefazione è chiaro il messaggio che la storia vuole trasmettere, più attuale che mai: “solo chi riesce ad andare oltre l’apparenza può scoprire la vera essenza delle cose e tornare così a sognare”.

Le ragazzine hanno perso il controllo: overground” di Aa.Vv.
Ci sono autrici che il pubblico conosce bene, che pur non avendo ancora pubblicato un vero e proprio esordio hanno già un seguito di culto, e svariati attestati di stima dai colleghi già affermati. Autrici dal segno raffinato e dall’immaginario ben definito, spesso riconosciute all’estero prima che in patria, e soprattutto già padrone di un approccio altamente professionale. In questa collettiva, infatti, trovano posto Vittoria Macioci e Laura Guglielmo, entrambe già pubblicate ed amate in Francia, considerate fra le più brave disegnatrici del panorama contemporaneo; ma anche Ilaria Urbinati, illustratrice che i lettori della Stampa conoscono bene, approdata al fumetto proprio l’anno scorso. Troviamo poi due talenti formidabili, simili nel gusto per un certo tipo di segno ma che viaggiano su rotte diverse: Greta Xella, già pubblicata in mezzo mondo, che pubblica il suo primo fumetto per Bao, e Peachipp, giovanissimo fenomeno social.

Le ragazzine hanno perso il controllo: underground” di Aa.Vv.
Probabilmente, i libri più sorprendenti pubblicati negli ultimi tempi sono le antologie di giovani autrici: le piccole case editrici hanno saputo intercettare, pescando fra i banchetti delle autoproduzioni, una nuova generazione di autrici, giovanissime ma con una capacità di narrazione già matura, dal segno grezzo, a volte sgraziato, scoordinato, sporco, ma incredibilmente vitale.
Autrici che raccontano le disavventure quotidiane, l’infanzia o l’adolescenza, le relazioni, il corpo, l’amicizia come raramente si era visto in Italia. Autrici che hanno trovato piena realizzazione nella dimensione del racconto breve, o che pubblicano proprio quest’anno il loro esordio. Le autrici in mostra sono Roberta Scomparsa, Joe1, Luisina Iliardo, Martina Sarritzu, Valo e Percy.

Breakdownpress è diventata grande” di Joe Kessler e Antoine Cossè
In meno di dieci anni di vita, Breakdown Press è riuscita a ritagliarsi un posto di primo piano fra le case editrici indipendenti europee, grazie ad una linea editoriale coraggiosa ma coerente, un approccio ai limiti del DIY, ed una netta predilezione per i lavori capaci di spostare il linguaggio del fumetto ogni volta un po’ più in là, che si tratti del lavoro all’avanguardia di nuovi fumettisti o di classici sconosciuti del passato. Da piccola press di culto, grazie alla pubblicazione di artisti come Antoine Cossé, Anna Haifisch, Inés Estrada, Lale Westvind e Richard Short ha guadagnato la stima e l’affetto del pubblico internazionale. Lo scorso anno è arrivata definitivamente anche la consacrazione mainstream: Windowpane, la raccolta definitiva della serie di Joe Kessler, ha vinto il Premio Rivelazione ad Angoulême. Fu proprio con il primo albo di Windowpane che nacque la Breakdown Press, quando Simon Hacking e Tom Oldham, che gestivano un negozio di fumetti, incontrarono Joe e decisero di intraprendere quest’avventura assieme.
In quest’edizione del TCBF abbiamo il piacere e l’onore di esporre alcune tavole da quelli che possiamo definire senza paura “i primi capolavori” della casa editrice inglese: Windowpane di Kessler, appunto, e Showtime di Antoine Cossé, altro tassello fondamentale che ha portato a maturazione non solo il percorso di Antoine ma di tutta Breakdown Press.

Premio Carlo Boscarato
Domenica 26 settembre

Ore 12.00 Cerimonia di consegna del Premio Carlo Boscarato
Fondazione Benetton Studi e Ricerche

:::::::::::::::::::::::….

Talk on line

Anche quest’anno un ricco programma di talk online con ospiti nazionali e internazionali, in diretta sul profilo Facebook, sul canale Youtube o sul canale Twitch del Treviso Comic Book Festival e qualche piccola incursione sul profilo Instagram.

Venerdì 24 settembre
11.00 – Apertura dei lavori e saluti dell’organizzazione
11.15 – Fare informazione e fare fumetti: La Revue Dessinée Italia. Con Massimo Colella, Andrea Coccia, Lorenzo Palloni
12.00 – Studiare e immaginare la realtà: scienza e fantascienza a fumetti
Con Alessandro Bilotta, Dario Grillotti (Feltrinelli Comics), Matteo De Longis (Bao Publishing), Cammello (Coconino Fandango)
13.00 – Ospite internazionale: una chiacchierata con Mark Crilley (Tunuè)
14.00 – INSTAGRAM: Presentazione di “Zazà Mag” con Pierluca Galvan
14.00 – Galeotto fu il fumetto e chi lo scrisse: Dante e la Divina Commedia. Con Marco Cei, Astrid Lucchesi, Genny Ferrari (Kleiner Flug)
15.00 – Mondi alternativi: viaggio nel nuovo fumetto fantasy italiano. Con Nicolò Pellizzon (Bao Publishing), Francesco Guarnaccia, Lorenzo Ghetti (Saldapress), Pietro Minto, Paolo Cattaneo (DePress) modera La scimmia blu
16.00 – Comics radar: grandi artiste in casa Saldapress. Con Marianna Ignazzi ed Eleonora Carlini
17.00 – INKitchen presenta: DIY: C’è vita oltre le fiere? Con BandaBendata e Coltello comics
18.00 – (Nona) arte militante: incontro con il collettivo Moleste

Sabato 25 settembre
10.00 – Non Solo Spritz: autori trevigiani in edicola e libreria. Con Paolo Gallina (Beccogiallo), Michele Bruttomesso (Il Battello a vapore), Luca Vanzella, Luca Genovese (Sergio Bonelli. Editore)
11.00 – Nessun rimorso: vent’anni di lotta. Con Rita Petruccioli, Francesco Cattani (Coconino Fandango), Fabrizio Crasso (Supporto Legale) modera Maria Edgarda Marcucci
13.00 – INSTAGRAM: Greciami ancora. Con Emanuele Apostolidis (Beccogiallo)
14.00 – INSTAGRAM: Peacchip world
14.00 – Microeditoria: fumetto e illustrazione. Con Luca Zamoc (Lazy Dog) e Lucio Schiavon (Nuages)
15.00 – Typical Girls: fumetti per decostruire le differenze. Con Martina Sarritzu, Roberta Scomparsa, Eliana Albertini (Canicola e Diabolo)
16.00 – Let’s talk about cartooning genius. Con Joe Kessler e Antoine Cossè (Breakdown Press)
17.00 – INKitchen presenta: SELF Love – DePress & Eros. Con Gianluca Ascione, Alice Bartolini, Andrea De Franco, Martina Sarritzu
18.00 – Dire, fare e disegnare la musica: con Massimo Giacon (Feltrinelli), Eliana Albertini, Clarice Trombella (Beccogiallo)

Domenica 26 settembre
10.00 – Dieci anni senza la satira di Ennio Comin. Con Alessandro Comin, Fred
11.00 – Prima di tutto tocca farsi pubblicare: esordienti 2021. Con Guido Brualdi, Alessandro Ripane (Edizioni BD), Valo (Eris Edizioni), Sonno (Feltrinelli Comics)
14.00 – INSTAGRAM: Giulia Rosa (Hop Edizioni)
14.00 – Ospite internazionale: Una chiacchierata con… Jen Wang
15.00 – INSTAGRAM: Racconti del Poeta: Edgar Alla Poe a fumetti, con Anita Zaramella
15.00 – Il pericolo è il mio mestiere: dialogo con Juta (Rizzoli Lizard) e Spugna (Hollow press)
16.00 – Aggiungi un posto in libreria: alla scoperta di nuove case editrici italiane. Con Green Moon Comics e Rebelle Editore
17.00 – INKitchen presenta: Ten is the magic number – compleanno a due cifre per Mammaiuto, MalEdizioni, Lok Zine e Inuit

Scritto da Redazione Venezia