ven 29.01 2016 – dom 28.02 2016

The Hateful Eight a Cinecittà

Dove

Teatro 5
Via Tuscolana 1055, Roma

Quando

venerdì 29 gennaio 2016 – domenica 28 febbraio 2016

Quanto

€ 15

Contatti

Sito web

Come dovuto ai migliori, due critici l’un contro l’altro armati. Che con Tarantino calza a pennello. Sempre il duello esista davvero.

Pare che nel 2016 non si possa andare al cinema senza vedere un film a -10 gradi, con distese di neve e montagne arcigne. Dopo The Revenant di Iñárritu è il turno di Tarantino con il suo ottavo lungometraggio, The Hateful Eight, ambientato nell’inverno del Wyoming post Guerra Civile. Tutta la sceneggiatura “mancante” nel primo la ritroviamo nel secondo: tre ore di dialoghi tra cacciatori di taglie, banditi, aspiranti sceriffi, locandieri e vecchi generali sudisti. 8 (co)protagonisti rinchiusi in una stanza di una locanda a causa di una tempesta, ognuno con il sospetto che l’altro lo possa far fuori da un momento all’altro – e lo faranno, oh se lo faranno! Ma non vi diciamo nient’altro perché la verità esce fuori solo negli ultimi minuti. Squadra che vince non si cambia: i produttori sono gli stessi dei successi più grandi di Tarantino, così come gli attori: Tim Roth, Samuel L. Jackson (stratosferico), Tim Roth, Michael Madsen. Insomma, con la giusta dose di pistole, brandelli di cranio e “son of a bitch”, Quentin non fallisce: è una formula matematica. Ecco, magari non aggiungerà molto di nuovo alla sua carriera, però, oltre a un film godibilissimo, lascia due eredità pesanti: Ennio Morricone nei titoli di testa – che torna a firmare una colonna sonora western, con tanto di Golden Globe appena vinto; l’utilizzo del formato Ultra Panavision 70, con lenti e macchinari tirati fuori dai magazzini della Panavision che ha considerato questo film il proprio lascito al mondo del cinema. Peccato per la v.o. fissata solo il sabato e la domenica di mattina.

NICOLA GERUNDINO

Alla fine di una serie di goduriose seghe mentali concludiamo che il colpevole è ancora lui, l’uomo in frac: il maggiordomo. Ma quando Agata si toglie la parrucca e rivela di essere Tarantino capiamo di non aver capito niente, a parte di essere le vittime di un intricato gioco di finissima scrittura cinematografica. Sorpresa! La sciura è il regista! Così come il western è un giallo che a sua volta è un horror. In questa fitta trama di mescolanze The Hateful Eight è una rivelazione continua, che se nella prima parte “pesa” per la logorrea, nella seconda sciocca per le eccessive derive gore. Tutto è necessario per accumulare e scaricare tensione, dalla maestosa colonna sonora di nonno Ennio ai 70 mm Panavision, che vivificano il girato e ne conferiscono l’aroma al caffè. Quello nero e buono.

DAVID MORELLO

Orari Spettacoli
The Hateful Eight – dal 29 gennaio 2016 al 28 febbraio 2016
Teatro 5: capienza 888 posti (proiezione in 70 mm) – biglietto: 15,00 euro
Aria Condizionata – Accesso e servizi per disabili

Prevendite su www.ticketone.it a partire dal 28 gennaio 2016

Proiezioni dal lunedì al venerdì:
ore 16:00 – in lingua originale sottotitolato in italiano
ore 20:00 – doppiato in italiano

Proiezioni sabato e domenica:
ore 10:30 – in lingua originale sottotitolato in italiano
ore 16:00 – doppiato in italiano
ore 20:00 – doppiato in italiano

Scritto da Nicola Gerundino