Piccolo Buco

Zero qui: tappa i buchi allo stomaco con una pizza.

Contatti

Piccolo Buco Via del Lavatore, 91
Roma

Orari

  • lunedi chiuso
  • martedi 12–15 , 18–23
  • mercoledi 12–15 , 18–23
  • giovedi 12–15 , 18–23
  • venerdi 12–15 , 18–23
  • sabato 12–15 , 18–23
  • domenica 12–15 , 18–23

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Prezzo

Scritto da Nicola Gerundino il 21 novembre 2018
Aggiornato il 29 novembre 2018

Il nome non è una frase fatta: due sale minuscole, tavoli attaccati l’uno all’altro e il forno a legna a fare da separé. Quindi, come prima cosa, scordatevi le tavolate da sabato sera, andateci in pochi e fidati, magari per un dopo cinema o un dopo teatro. Piccolo Buco e la piccola creatura di Luca Issa, che ha deciso di andare controcorrente aprendo una pizzeria di qualità a due passi (contati) da Fontana di Trevi, puntando su ingredienti scelti a prezzi non esorbitanti – una margherita è sui 10 euri, ma ricordate sempre dove siete e le sole gastronomiche che di solito girano in zona. Impasto lievitato 72 ore con farine del Mulino Marino, passata bio dell’azienda agricola Paglione, fiordilatte di Agerola e così via, andando anche a intercettare qualche presidio Slow Food. La pizza ha un cornicione soffice e altissimo, quasi a mo’ di ciambellone, con al centro il cuore del condimento. Qualora la pizza non fosse di gradimento, fiondatevi sui primi della tradizione romana (gricia, carbonara, cacio e pepe), anche questi realizzati con ingredienti di prim’ordine.