Galleria Nazionale d'Arte Moderna

Zero qui: conosce i padri fondatori dell'arte moderna italiana.

Contatti

Galleria Nazionale d'Arte Moderna Viale delle Belle Arti, 131
Roma

Orari

  • lunedi chiuso
  • martedi 08:30–19:30
  • mercoledi 08:30–19:30
  • giovedi 08:30–19:30
  • venerdi 08:30–19:30
  • sabato 08:30–19:30
  • domenica 08:30–19:30

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Scritto da Arrigo Razzini il 27 maggio 2015
Aggiornato il 28 luglio 2015

Si trova nella zona di Valle Giulia, alle spalle di Villa Borghese. Fu realizzata da Cesare Bazzani nel 1911, in occasione di una mostra che celebrava il cinquantenario dell’unità d’Italia. Poi, quattro anni dopo, il palazzo venne promosso a museo, con l’intento di definire un percorso artistico nazionale. L’edificio ha un aspetto austero, massiccio, quasi inquietante, con le colonne e lo scalone d’accesso che andrebbero bene per un tempio greco, più che per una galleria d’arte moderna. Sono esposte opere che vanno dall’impressionismo all’espressionismo, dai futuristi ai metafisici. Ben rappresentate le correnti italiane e internazionali a cavallo tra i due secoli: macchiaioli, romantici, divisionisti e simbolisti. Più povera, invece, la collezione che dalle lune elettriche futuriste arriva fino alla fine del secolo. Risultato complessivo sopra la sufficienza. Meglio passarci in occasione di qualche mostra temporanea, sebbene quelle di valore – vedi Twombly o Preraffaelliti – scarseggino.