Da Gino al Parlamento

Zero qui: mangia carbonara, carne in umido e i piatti del giorno, inclusi quelli a base di pesce.

Foto di Tomatoes from Canada

Contatti

Da Gino al Parlamento Vicolo Rosini, 4
Roma

Orari

  • lunedi 12:30–15 , 19:30–23
  • martedi 12:30–15 , 19:30–23
  • mercoledi 12:30–15 , 19:30–23
  • giovedi 12:30–15 , 19:30–23
  • venerdi 12:30–15 , 19:30–23
  • sabato 12:30–15 , 19:30–23
  • domenica chiuso

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Tips

Prezzo

Scritto da La Redazione il 27 maggio 2015
Aggiornato il 18 febbraio 2020

Se chiedi di vicolo Rosini nessuno ti risponde, ma basta nominare Gino (al secolo "Er Cavaliere") per avere l’indicazione giusta: "È quer vicoletto stretto che sta di fronte ar Parlamento". Se guardate in alto vedrete un micro cartello, con una freccia rossa, che indica semplicemente "trattoria". La cucina è bipartisan: di fronte a un piatto di amatriciana le ideologie hanno poca presa. Il menu, invariato da anni, annovera carbonara, ceci, abbacchio, trippa, il venerdì baccalà o seppie con i piselli e tutto lo sciorinabile della romanità a tavola. Senza dimenticare la brocca di rosso dei Castelli, servita d’ufficio. Quando vedete qualche parlamentare addormentarsi in aula o fare cappelle varie, con tutta probabilità qualche ora prima era ai tavoli di Gino.