La Punta Expendio de Agave

Zero qui: beve mezcal e mangia tacos.

Contatti

La Punta Expendio de Agave Via di Santa Cecilia, 8
Roma

Orari

  • lunedi 12:30–15:30 , 18:30–02
  • martedi 12:30–15:30 , 18:30–02
  • mercoledi 12:30–15:30 , 18:30–02
  • giovedi 12:30–15:30 , 18:30–02
  • venerdi 12:30–15:30 , 18:30–02
  • sabato 12:30–15:30 , 18:30–02
  • domenica chiuso

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Cucina

Prezzo

Scritto da Martina Di Iorio il 15 settembre 2016
Aggiornato il 24 luglio 2017

«Quello che ci piace raccontare sempre è che i due elementi più importanti del mezcal sono il terroir, come per i vini, e il tempo, come per il whisky: i 35 anni che ci vogliono per far crescere alcune piante per noi sono come i 35 anni di invecchiamento in botte». Un paio di mesi prima dell’apertura ho avuto la fortuna di farmi raccontare per filo e per segno il progetto La Punta dai suoi due mentori, Cristian Bugiada e Roberto Artusio, e credo che in questa frase risieda tutto il fascino che può generare la distillazione messicana legata all’agave: ogni prodotto è unico perché tutto può influire sul suo sapore, dalla composizione del terreno al meteo durante il processo di cottura, agli anni di maturazione della pianta, l’agave. Difficile riuscire a trasmettere una tale complessità legata al territorio, ma devo dire che con La Punta ci si è riusciti: centinaia di bottiglie tra mezcal e tequila dove sono i piccoli produttori artigianali a farla da padrone, miscelazione di alto livello – le scuole sono quelle del Jerry Thomas e del Freni&Frizioni, costole genitrici di questo progetto – così come la cucina, che vi costringerà a riscrivere la vostra idea di cibo messicano. Essendo la distillazione messicana un territorio per lo più sconosciuto, è più che mai valido il suggerimento di farsi guidare nel proprio percorso degustativo, magari cominciando da un cocktail più familiare al palato per poi arrivare a un mezcal o tequila liscio. Per i drink si parte dalle Micheladas, ovvero delle birre “modificate”, anche con ghiaccio, per essere rese più fresche e dissetanti – ad esempio la Cerveza Roja, con succo di limone e di pompelmo, soda e sale. Si prosegue con dei miscelati tipici del Messico come la Paloma (Tequila, succo e soda di pompelmo, succo di limone e miele di agave) o la Batanga (tequila, limone e Coca-Cola); o con dei cocktail “tradizionali” come il Margarita o il Tequila Sunrise. Infine, si arriva alle ricette della casa, dove il tasso di godimento si espande all’infinito, vedi il Mala Education (mezcal, pompelmo, rabarbaro, miele di agave, bitter di habanero) o il Metl-Ixcalli (mezcal, ananas, limone, miele d’agave, bitter di habanero). Per il cibo tappe obbligate i tacos di carne e il pollo in salsa mole.