Antica pizza fritta da zia Esterina Sorbillo

Zero qui: Fa "squeeze" al panzerotto in piazza San Fedele

Contatti

Antica pizza fritta da zia Esterina Sorbillo Via Agnello, 19
Milano

Orari

  • lunedi 12–15:30 , 19–23:30
  • martedi 12–15:30 , 19–23:30
  • mercoledi 12–15:30 , 19–23:30
  • giovedi 12–15:30 , 19–23:30
  • venerdi 12–15:30 , 19–23:30
  • sabato 12–15:30 , 19–23:30
  • domenica 12–15:30 , 19–23:30

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Cucina

Prezzo

Scritto da Simone Muzza il 27 ottobre 2017
Aggiornato il 30 ottobre 2017

Prendi il classico problema che tedia noi camminatori del centro storico: dove mangiare economico, veloce e possibilmente anche bene? Insomma si vorrebbe continuare a passeggiare in piedi e non piegati sulle gambe con le mani sulla pancia. Negli ultimo anni le offerte, rispetto alla pochezza di qualche tempo fa, si sono moltiplicate; eppure se dovessimo scegliere un solo indirizzo non avremmo dubbi: la pizza fritta di zia Esterina by Gino Sorbillo, il re dei pizzaioli e imprenditori partenopei. Bella storia quella della pizza fritta, che ricorda una Napoli che non c’è più, quando si friggeva in casa perché non c’era il forno e si vendeva la delizia ai passanti per qualche moneta. Entriamo spavaldi nella piccola bottega facendoci largo tra quelli che hanno già fatto lo scontrino, paghiamo una sciocchezza e aspettiamo almeno dieci minuti (molto di più nelle ore di punta) scolandoci qualche birretta con l’acquolina alla bocca e l’istinto di rubare il panzerotto a quelli che sono lì già da un po’. E poi eccola lì la nostra pizza fritta con provola, pomodoro e pepe (cicoli per i più audaci): arrivederci, grazie e via in piazza San Fedele a mangiarcela beati, stando attenti a non scottarci e “squeezzando” (ma occhio allo squirting) per bene il panzerotto in maniera tale che il ripieno non rimanga tutto in fondo, ridendo delle dita unte e della bocca piena di formaggio. Avete idee migliori?

Simone Muzza