I podcast di Städlin

Per conoscere meglio gli artisti ospiti di Städlin, per arrivare carichi all'appuntamento sotto cassa, per ascoltare buona musica, che non fa mai male.

Scritto da La Redazione il 21 ottobre 2015
Aggiornato il 20 giugno 2017

Visto che di Städlin ci piace tutto, compresi e soprattutto gli artisti ospiti, abbiamo deciso di parlarvi in maniera più approfondita di loro dando parola direttamente alla loro musica attraverso dei podcast realizzati in esclusiva e che, altrettanto in esclusiva, troverete solo in questa pagina e sul soundcloud di Städlin.

2017

Mercoledì 21 giugno
La Dieta Grassa – Fat Fat Fat Festival Preview. Dalle ore 18:00, free entry.
Una serata di anteprima del festival marchigiano dedicato ai suoni balck in 4/4 (e non solo). Ci saranno i dischi di Claudio Fabrianesi e quelli dell’Harmonized SoundSystem, di cui vi proponiamo questo set registrato durante una Fat Fat Fat night. Grandi aspettative anche in cucina, con alcuni piatti della tradizione marchigiana riletti dallo chef di Städlin, Valerio.

 

Venerdì 12 maggio
HUB presenta Luc & Green. Dalle ore 20:00, free entry.

 

Green
https://soundcloud.com/st-dlin/stadlin-podcast-015-green

 

Mercoledì 29 Marzo
Ultrasuoni Bar presenta Jay Green

https://soundcloud.com/st-dlin/stadlin-podcast-014-jay-green

House, deep, acid, italo e traccioni su vinile. Jay Green sta bazzicando spesso i piatti di Städlin negli ultimi mesi e questo podcast vi farà capire perché. Lo trovate anche nei cataloghi di Hardmoon London e Noho Records.

Sabato 4 Marzo
Radio™

https://soundcloud.com/st-dlin/stadlin-podcast-013-andrea-benedetti

Electro, funk, house, techno. Alle origini del suono elettronico in 4/4 con due selezionatori d’eccezione, nonché collezionisti seriali di vinili. Una volta al mese, da Städlin, Andrea Benedetti ed Emiliano Cataldo. P.s. ringraziamo Dance Off per esseri stato disponibile a condividere con noi e con Städlin quest’ora e ventitré minuti di musica serissima.
 

Sabato 14 gennaio
Slow Motion Night

https://soundcloud.com/st-dlin/stadlin-podcast-012-andrea-tempo
Oltre ad arrosticini, ventricina ed altri cibi paradisiaci, l’Abruzzo – in questo caso con un piede in Germania – ci ha regalato una signora label che ha prodotto quanto di meglio il panorama nostrano abbia da offrire sul versante disco, nu disco, italo disco e chi s’è disco s’è disco. Si tratta della Slow Motion e nel suo roster ci sono Alien Alien come Fabrizio Mammarella (cofondatore dell’etichetta), Clap Rules come Dj Rocca. Stasera ai piatti ci saranno Francisco e Andrea tempo, per una lezione di ballo che ricorderete e che vi farà capire perché c’è chi va in pellegrinaggio regolarmente lungo l’Italia, quando in cartellone c’è una Slow Motion Night.
HATTORI HANZO

2016

Sabato 30 gennaio
LKSMN

https://soundcloud.com/st-dlin/stadlin-podcast-010-lksmn

 

Sabato 27 febbraio
Dj Octopus

https://soundcloud.com/st-dlin/stadlin-podcast-011-dj-octopus

 

2015

Mercoledì 28 ottobre
LEO MAS

https://soundcloud.com/st-dlin/stadlin-podcast-005-leo-mas

Leo Mas è un altro pezzo di storia del clubbing italiano, dopo Baldelli e prima che la notte diventasse business – ve lo abbiamo raccontato su Notte Italiana. Leo i gradi se li è conquistati sul campo: con Alfredo, uno dei primi dj di Ibiza, a plasmare l’onda balearic, a determinare le linee-guida di un suono che tuttora è il sinonimo più prossimo di beatitudine. In Italia, nella Triade con Gemolotto e Fabrice – e per chi sa, bastano i nomi a far tremare i polsi. Senza di lui probabilmente il concetto stesso di “after” nemmeno esisterebbe. Sempre sul pezzo, sempre dove noi saremo dopodomani (forse) e il viaggio non si arresta. Ad alimentare il fuoco una sete di conoscenza che non si spegne, un eclettismo come agli stessi livelli nessuno, mai.
MATTEO CORTESI

Mercoledì 11 novembre
BATTISTA

https://soundcloud.com/st-dlin/stadlin-podcast-006-battista

Tenetelo d’occhio e ascoltate le sue prediche in 4/4 su Youtube e Soundcloud, perché dicono il vero e il giusto e il buono. Il centro del suo culto è a Berlino, dove si è trasferito per iniziare a produrre, i suoi testi sacri sono nei centrini dei vini della Uaudio, etichetta che ha fondato insieme al fido Eternauta. Le sue prediche parlano di house e suonano come se la L.I.E.S. amasse suoni più smussati e avesse una maggiore passione per il calore del funk. Per iniziarvi al culto e farvi battezzare direttamente dal profeta, l’appuntamento è stasera da Städlin. Alleluja!
HATTORI HANZO

Giovedì 19 novembre
MUDWISE

https://soundcloud.com/st-dlin/stadlin-podcast-007-mudwise

Se c’è una cosa che nel Nord dell’Italia sanno fare bene è sfornare campioncini d’elettronica. Una fucina sempre aperta che può anche vantare una rete abbastanza fitta di contatti tra i suoi prodotti, che collaborano, suonano assieme e arrivano così anche a imporsi fuori dai propri confini. Mudwise ne fa parte al 100%, esce per la Enklav (etichetta fondata da Chevel) e condivide con Evn e Von Tesla il progetto Osc178, un laboratorio itinerante dedicato ai synth modulari. Proprio questi ultimi sono la specialità della casa, tra droni percussivi e tappeti rumorosi analogici. Stasera live per Machine.
HATTORI HANZO

Sabato 21 novembre
kEZ YM

https://soundcloud.com/st-dlin/stadlin-podcast-008-kez-ym

Kez YM sta per Kazuki Yamaguchi. Kez viene dal Giappone, terra dove esiste un culto assoluto per la musica – per ogni genere di musica – tendente all’accumulo compulsivo de propri artisti o suoni prediletti. C’è un culto anche per quel che riguarda il dance floor, tant’è che quasi tutti i dj collocano nella terra del Sol Levante alcune tra le loro migliori performance di sempre, grazie a un eccezionale scambio di energie e vibrazioni tra pista e consolle. Ecco, mettete tutti questi elementi nel corpo di un patito di vinili e di house e avrete Kez YM. Fa base a Berlino ma i suoi eroi appartengono tutti alla migliore tradizione Us – Moodymann, Larry Heard etc. Perdersi stasera il suo set è un atto criminale.
HATTORI HANZO

Sabato 5 dicembre
STADLIN 1 YEAR PARTY

https://soundcloud.com/st-dlin/stadlin-podcast-009-marcolino

È difficile trovare luoghi che abbiano un’eco e un impatto su una scena cittadina già dopo solo un anno di vita. Städlin è tra questi e tra il dicembre 2014 e il dicembre del 2015 ha contribuito enormemente a ridare corpo alla parola “elettronica” a Roma, genere musicale che qui ha conosciuto tanto fortune quanto periodi di smarrimento ed abbandono. Il segreto è semplice e per certi versi anche “banale”: avere passione per quel che si fa: vendere un disco, preparare un cocktail (o anche cucinare adesso), fare suonare un’artista. Per celebrare a dovere il primo anno, ecco un podcast speciale realizzato da Marcolino, uno dei mentori di Städlin.
NICOLA GERUNDINO