20 anni di Vodafone / Voce

Vent’anni fa, Vodafone è entrata nella vita degli italiani per aiutarli a comunicare. Per il compleanno ha deciso di raccontare alcuni dei momenti più importanti di questa storia, che Zero ha trasformato in una guida agli eventi e ai locali di Roma.

Scritto da Nicolò Zuliani il 25 novembre 2015

La nascita di Omnitel parte da un sussurro, diventa un passaparola, poi un vanto tra gli amici più tecnologici: per la prima volta, gli italiani possono scegliere un operatore telefonico mobile alternativo. Qualcosa di nuovo, in grado di farli comunicare e trasmettere le loro storie, le loro voci, la loro personalità. Si chiama Omnitel.

Forum Music Village
Storico studio di registrazione. Marco Patrignani, anima e fondatore, ha un’enorme passione per la musica che – evidentemente – si rispecchia nel suo lavoro, visto che è stato scelto da professionisti come Ennio Morricone e Morrissey. Dotato di strumentazione sia digitale che analogica di altissima qualità, è capace di andare incontro alle esigenze più strane, anche a quelle di un genio fanatico vegetariano pazzo. Qui ogni suono viene valorizzato, studiato e finemente cesellato per poi finire in un mp4 riprodotto da cuffiette in metro. Ma questa è tutta un’altra storia.

Auditorium Parco della Musica
Roma è la capitale d’Italia anche per quanto riguarda la capacità di unire artisti e culture provenienti da ogni parte del mondo in modo professionale, curato ed elitario, nel senso che pochissimi hanno idea di quante attività, convegni ed eventi si svolgano qui dentro, o di quanti grandi musicisti vi suonino. Strumentisti di fama mondiale, proiezioni di vecchi film, mostre di artisti il cui nome vi farà gridare «chi?» e cercarli su internet vi farà sentire fuori dal mondo. Ma bene così: rivalutare la frase «non c’è niente in giro».

Saxa Rubra
A Saxa Rubra si trova la sede della Rai (sia radio che tv), un posto magico e pieno di storia. Fondata nel 1927, è stata la prima a dare una voce e un volto a quell’Italia ancora ingenua e giovanissima. Tutto il Paese si ritrovava nei bar dotati di radio – e in seguito TV – in religioso silenzio per ascoltare voci distanti, che sembravano provenire dall’altra parte del mondo. Sono cambiate molte cose, da allora, ma passeggiare per Saxa Rubra trasmette ancora la sensazione di camminare nei vicoli della Storia di questo strano e meraviglioso Stivale.

Teatro dell’Opera
Quando si parla del Teatro dell’Opera di Roma non si può, prima o poi, non accennare al fatto che faccia anche musica. Opere, balletti, concerti. I più grandi maestri del mondo hanno calcato questo palcoscenico per deliziare il pubblico ed essere deliziati dalla squisita ospitalità italiana. Dietro le quinte scenografi, fonici, costumisti, addetti alle luci, maschere; il teatro ha bisogno del lavoro corale di oltre mille persone, equivalente militare di un intero battaglione. Spesso il loro compito è segreto. Misteri e magie dell’antica arte.