Collegio

Zero qui: beve alla maniera di Emanuele Broccatelli.

Foto di Livia Mucchi

Contatti

Collegio Piazza Capranica , 99
Roma

Orari

  • lunedi 12–02
  • martedi 12–02
  • mercoledi 12–02
  • giovedi 12–02
  • venerdi 12–02
  • sabato 12–02
  • domenica chiuso

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Prezzo

Scritto da Nicola Gerundino il 9 marzo 2017
Aggiornato il 28 novembre 2017

Quando anni or sono ha chiuso il cinema Capranichetta ci siamo rimasti tutti un po’ male. Non solo perché la chiusura di un cinema è sempre un segnale negativo, ma anche perché se ne andava un pezzo storico di città, nonché l’idea di un centro storico vissuto e vivibile un po’ da tutti, dove andarsi a fare una passeggiata e vedere un film. Per un simbolo di piazza Capranica che se n’è andato, un altro è rimasto e in questo 2017 ha cambiato pelle: il Vini & Olii della famiglia Santarelli, avamposto romano di un’attività secolare di commercio in vini e liquori – i natali sono registrati negli annali del 1914 di Amatrice. La stessa famiglia ha optato per un rinnovamento dello spazio, affidando la cucina ad Alessandro Cecere e il bar a Emanuele Broccatelli. Due i percorsi principali per il palato, come due le aree del locali: la prima con il bancone (in fondo), i tavoli (al centro) e la cantina (in alto), la seconda con altre sedute e una piccola gastronomia dalla quale scegliere salumi e formaggi e altri prodotti gastronomici di qualità. Al bancone c’è tutta la maestria di Emanuele, che ormai non ha bisogno di presentazioni: la carta dei drink è un viaggio intercontinentale tra l’Italia e il Mondo, dove meritano menzione L’Chaim – cocktail a base di arrak infuso in datteri e noci, con l’aggiunta di uno sciroppo speziato, lemongrass soda e limone – il Kanapai – sake yuzu, green tea soda, latte di soia e sciroppo allo zenzero – il Piemonte-Sicilia – vermut secco, vermut dolce e marsala – e, infine, il Cin Cin – riduzione e polvere d’arancia unite a del prosecco (tutti tra € 10 e 15). Per il cibo potete scegliere tra uno sfizio veloce – ad esempio le alici fritte con maionese allo zenzero, oppure un club sandwich, o ancora il Toast del Collegio – primi e secondi con diverse ricette tradizionali romane, selezioni di salumi e formaggi. Completano l’offerta i vini, specialità della casa assoluta. In tutto questo cosa c’entra il nome Collegio Evocate lo spirito del cardinale Domenico Capranica e chiedetegli cosa accadeva tra queste mura nel XV Secolo.