I bar del Fuorisalone

Come sopravvivere alla Design Week: bevendo nei temporary bar di Milano

Scritto da Martina Di Iorio il 1 aprile 2019
Aggiornato il 15 aprile 2019

Se vi abbiamo consigliato dove andare al bagno era solo perché sappiamo che prima del design, prima delle passerelle, prima dei selfie, la vostra e nostra priorità è quella di bere. Quale migliore occasione di questo Fuorisalone per coniugare insieme la nostra voglia di cocktail sotto le mentite spoglie del design? In città i bar pullulano di ogni genere umano, straripano di cattive intenzioni, diventano il luogo di decompressione dove togliere la maschera del (finto) designer e assumere quella che ci è più congeniale. Con un drink in mano, vera corazza sociale, risulterà a tutti più facile sorbirsi vernissage, code per il taxi, tacchi o stringate strette, rimasticare l’inglese un po’ cluadicante per rimorchiare stranieri/e in overdose da Salone.

In questa sede però non vi consiglieremo percorsi noti o già battuti, ma solo quei luoghi, eventi, quegli appuntamenti del design che hanno deciso di fare del bar e della sua estetica il punto centrale della narrazione. Temporary bar di aziende, designer, collabo sull’asse mixology e installazioni, caffetterie, che ci fanno capire come anno dopo anno spariscono tartine a giro e prosecchi imbevibili e si punta su un intrattenimento che dialoga con la retorica del design.

Ci trovate qui, con il drink in mano e la faccia rilassata:

The 3D bar: il primo bar completamente stampato in 3d da un sistema robotico antropomorfo. A cura di Caracol (studio di progettazione), nel cuore di Isola Design District al primo piano della Stecca 3.0., troverete un bar ecostostenibile dove fermarvi per bere drink. L’atmosfera surreale è enfatizzata dall’allestimento con le lampade Delta. Dal 9 al 14 aprile.

La MOKERIA di Alessi: Alessi lancia una nuova caffettiera moka, disegnata da David Chipperfield, al MUDEC. Ci sarà un bar pop tutto giallo e ciano, la MOKERIA, dove curiosamente si potrà consumare in un rito collettivo il caffè moka, in genere confinato allo spazio domestico. Dal 9 al 14 aprile al MUDEC.

Banco Desea di Lavazza: Lavazza in collaborazione con Gufram arriva alla Design Week e allestisce gli spazi industriali di Ventura Centrale. Un caveau blu e oro, aperto dalla colazione al dopocena, dove rilassarsi bevendo il caffè della nuova macchina a cialde Lavazza by Gufram. Eventi, dj set by Apollo Rollover e aperitivi per tutta la Design Week. Dal 9 al 14 aprile.

Panoramix: il rooftop di Lambrate che è subito Los Angeles. Panoramix diventa il salotto rialzato del Fuorisalone. Dentro ci trovate tutto: il tramonto su Milano, la piscina che poi tutti dentro, lo street food di Maurizio Tentella aka Space Delicious, il cibo di Gesto, i dj set e la musica fino a quando reggono le ginocchia. Dal 9 al 14 aprile.

Caffè Populaire – Alcova: il Caffè del duo italo-belga DWA, con studio a Milano. Un bar temporaneo per celebrare una delle forme più antiche di socializzazione, il cibo, cullati dalla bellezza di materiali grezzi finemente lavorati, in collaborazione con l’azienda di lampade canadese Lambert&Fils. In Isola dall’8 al 14 aprile.

Sensory Bar di St-Germain: un installazione frutto della collaborazione tra il designer franco-italiano Marc Ange e St-Germain, il liquore francese preparato con fiori di sambuco. Un giardino sensoriale dove perdersi e ritrovarsi al Sensory Bar per provare i signature cocktail. Dall’8 al 14 aprile, dalle 17 alle 21.

Bombay Sapphire – Stir Creativity: al Vanity Fair Garden in via Tortona 35, Bombay allestisce il proprio corner bar dedicato alla creatività. Tutti i giorni dalle ore 11.00 alle ore 17.30, un esperto calligrafo o un ritrattista saranno a disposizione degli ospiti; un erborista vi aiuterà poi a creare la propria essenza personalizzata scegliendo tra vari olii. E fino alle 21:00 tante masterclass e gin tonic (ovviamente).

Style Set Free by Hyundai: la casa di automobili coreana presenta insieme a Monocle un percorso sensoriale guidato da colori, suoni, forme e materiali. All’Opifico 31 di Via Tortona uno spazio dedicato alla condivisione e all’aperitivo nella lounge di Monocle, dove seguire i Monocle Pod Cast 24 e tutti gli speach pensati da Hyundai. Dal 9 al 14 aprile.

The Sanctuary Experience: entrerete in una giungla urbana, uno spazio di recupero industriale di 1000 mq, un’officina meccanica nel cuore di Lambrate che per l’occasione verrà allestita con piante, alberi, tappeti, arredi con materiali di recupero, salotti, amache per vivere all’aperto. Un bar centrale vi accoglie dalla mattina fino a tarda notte. Dal 9 al 14 aprile in Via Conte Rosso 17.

Norwegian Seafood Bar: ecco a voi il bar dove sentirsi un vero designer scandinavo. Qui i figli e figliastri di Ikea giocano in casa. Con la scusa di vedere la mostra dedicata al design e la cultura della Norvegia dal nome “JOIN by Norwegian Presence”, si assaggiano le specialità ittiche della Norvegia in una selezione di piatti a base di salmone, stoccafisso e merluzzo skrei, accompagnati da birra e gin della terra dei fiordi. Dal 9 al 14 aprile (dalle 11 alle 21), alle Officine Savona, in Via Savona 35.

#FoodFreedomBoat by Deliveroo: tutto questo bere ci farà venire voglia anche di mangiare. Ed ecco che Deliveroo, quelli che ti portano il cibo a casa per chi non lo sapesse ancora, organizza una barca sulla Darsena che vi da la possibilità di navigare il Naviglio e mangiare gustando tre menù speciali, ognuno dedicato ad un tipo di cucina differente (hamburger, poke e panini gourmet). Le crociere sono organizzate nei giorni di giovedì 11 e venerdì 12. Per poter partecipare basta prenotarsi sul posto presso l’imbarcadero dedicato (ingresso da via Gorizia e via D’Annunzio all’altezza di via Ronzoni) durante le due giornate previste a partire dalle 12.30. Nel tempo in cui la barca sarà libera sarà possibile utilizzare la barca come una vera e propria lounge area, nella quale rilassarsi e ristorarsi.