I meglio film di maggio

Si comincia con Wes Anderson e si finisce con il nuovo film di Abdellatif Kechiche.

Scritto da Mattia Savoldelli il 26 aprile 2018
Aggiornato il 25 luglio 2018

Ricchissimo di uscite intriganti il mese di maggio.
Il 1° maggio torna al cinema Wes Anderson con l’attesissimo film in stop-motion L’isola dei cani premiato al Festival di Berlino con la Miglior Regia.
Il dodicenne Atari Kobayashi va alla ricerca del suo amato cane Spots che a causa di un’influenza canina, viene spedito in esilio a Trash Island, meta di altri cani di Megasaki City afflitti dallo stesso problema.
Su Anderson sono imparziale, fu uno dei miei primi interessi nel cinema, lascio a voi il giudizio finale, io ho gradito.

Sempre il 1° maggio tocca alla scozzese Lynne Ramsay con A Beautiful day, titolo completamente diverso dall’originale You were never really here.
Opera che sono riuscito a vedere l’anno scorso in anteprima al London Film Festival e di cui ho un piacevole ricordo. Molto bravo al solito Joaquin Phoenix nei panni di un veterano di guerra al quale spetta assai poco al ritorno in patria. Una sorta di moderno Taxi Driver (altro livello l’opera di Scorsese ovviamente) come è stato definito dalla critica.

Secondo capitolo della nuova fatica di Paolo Sorrentino in sala il 10 maggio Loro 2, il primo capitolo è in sala al momento in cui scrivo, 24 aprile.
Lavoro rimasto top secret fino ad un mesetto fa quando è stata rilasciata la prima clip.
Il film ruota attorno alla vita del politico Silvio Berlusconi interpretato da Toni Servillo e alla marea di gente che gli ruota attorno. Di più non so sinceramente, non mi resta che vederlo.
https://www.youtube.com/watch?v=vzs5-MDjG_k

Il 17 maggio è il turno di Matteo Garrone con Dogman, in concorso nell’imminente Festival di Cannes. Cupo e grigio sembra essere il nuovo incarico di Garrone, ispirato ad un fatto di cronaca nera avvenuto trent’anni fa a Roma. Lavoro di sceneggiatura iniziato 12 anni fa ma che ne ha visto il compimento solo l’anno scorso. Il “must see” del mese.

Chiudo con Mektoub, My Love: Canto Uno di Abdellatif Kechiche a cinque anni di distanza da La vita di Adele, premiato con la palma d’oro alla kermesse francese.
Amin, lasciata Parigi per le spiagge del Mediterraneo, torna a casa e agli amici di sempre. Il suo cuore batte per Ophelie, difficile dichiararsi però, film che gioca sugli sguardi e i sentimenti dei protagonisti, temi non nuovi al regista franco-tunisino. In sala dal 27 maggio.

Festival

Festival De Cannes 8- 19 maggio: www.festival-cannes.com

Busto Arsizio Film Festival: www.baff.it