Cocktail d’amore

Storie liquide di San Valentino in alcuni bar di Milano

Written by Martina Di Iorio il 12 February 2021

@enginakyurt

Fonti autorevoli hanno stimato che il 2020 sia stato in assoluto l’anno dove si è fornicato di meno. Affermiamolo senza mezze misure. C’è stato poco da fare, inciuciare, marpionare, ditelo come vi pare. L’appiattimento della nostra libido e della nostra vita sentimentale ha un solo imputato nel tribunale della castità: la lontananza perpetuata dal bancone del bar. Perché si sa, è in questi luoghi che si celebra la meravigliosa arte dell’amore. In tutte le sue forme. Ma nulla è perduto. Per San Valentino abbiamo voluto affrontare questo tema chiedendo direttamente a chi lavora nei bar di Milano di condividerci – a volte apertamente a volte sotto copertura – la loro idea d’amore, le pozioni magiche, come le più belle storie di passione che sono nate proprio al bancone.

L’appiattimento della nostra vita sentimentale ha un solo imputato nel tribunale della castità: la lontananza dal bancone del bar

ELITA
Confessioni di un bartender anonimo: “Un giorno per fare il figo mi metto dietro il bancone a tirare fuori un drink da dedicare a quella che sarà poi la mia futura ragazza. Volevo fare il figo, sapevo che sarebbe arrivata, e volevo farle trovare pronta questa pozione d’amore. Un mezcal con Campari, con uno sciroppo all’habanero molto piccante. Volevo stupirla. Morale della favola, arriva Claudia, tiro fuori il tovagliolo, le verso un bicchiere d’acqua ghiacciata, le offro il drink, nato solo per lei. “Questo l’ho pensato solo per te”. “Cosa c’è dentro?” mi dice lei. “È un po’ piccante, spero che ti piaccia”. Faccia paonazza mi risponde un po’ seccata: “Scusa ma sono allergica al peperoncino”. Tutto questo sbattimento e lei non ha mai bevuto il drink, ma ora ci amiamo molto.”

Fallo/a innamorare con lo Spicy Cherry
5 cl Mezcal
3 cl succo di limone
1,5 Campari
1,5 cl sciroppo di habanero

GHE PENSI MI
Un cliente super innamorato ci racconta come galeotto fu il bancone del Ghe Pensi Mi: “Ho conosciuto la mia fata al bancone del Ghe Pensi. Mi sono innamorato di lei proprio nel vederla interagire con gli altri, muoversi nello spazio del bar, un luogo che considero casa. Penso che sia ancora oggi uno dei momenti più belli e più importanti che conserviamo. Ecco perché il bancone è il luogo dove ci piace più stare, ci guardiamo ancora negli occhi nonostate la gente che ci circonda. Una nicchia tutta nostra, perché il bancone – e soprattutto quello del Ghe – è il posto che preferiamo nel mondo.”

Fallo/a innamorare con il Cupido
4 cl Vodka
3 cl Contreau
1,5 cl Liquore di cioccolato bianco
2,5 cl di Lime
1 cl Albume d’uovo
Frutti di bosco freschi da pestare

RITA’s TIKI COCKTAIL
Dal Rita le solite perle di saggezza e valangate di irriverenza nel giorno degli innamorati: “Cosa le puoi regalare a San Valentino? Un mazzo di fiori? Banale. Un pensiero? Lo hai già fatto e non è stato molto gradito. Un libro di Fabio Volo? Se lei è intelligente ti molla. Una Kelly? È la borsa che tutte desiderano, la trovi usata su Farfetch per 80 mila e 399 euro e credo sia un prezzo osceno. Una cena e dei drink, questa sì che è un’idea rivoluzionaria, soprattutto durante una pandemia, resti a casa al sicuro, senza dover indossare una mascherina – a meno che ti manchino gli incisivi – e sei a due passi dalla camera da letto. Poi la cena e bere piace a tutti, anche se lei è un lui o tu sei una lei e lei una lei. Devi solo decidere.”

Fallo/a innamorare con il Patchouli Mulata Daiquiri
3 cl Bourbon
3 cl Rum
1,5 cl muscovado
3 cl succo di lime

CAMPARINO
Classe d’altri tempi e poesia patinata nelle parole e nel drink che ci offre il Camparino, ultimo dei romantici: “Note dolci, fruttate e avvolgenti. Come l’amore, che questo cocktail suggella con un bacio. Non uno qualsiasi, qui parliamo de Il Bacio della famosa Red Passion di Campari. È il 1920 quando Marcello Dudovich realizza per Campari uno dei suoi manifesti più celebri: due focosi innamorati che si baciano con un Cordial Campari in primo piano. Il rosso, non a caso, qui è di casa: nel bicchiere, nella grafica, nel cuore. Al Camparino, con shakerate felpate vista Duomo, oggi si ordina Il Bacio.”

Fallo/a innamorare con Il Bacio
2 cl Buldog gin
3,5 Campari
3 cl Cinzano Vermouth extra dry
2 dash Bitter Orange
2 cl latte
2 cl gomma arabica panna

OPERA 33
La sacerdotessa dell’amore e dell’alchimia risponde al nome di Terry Monroe. La trovate nel suo laboratorio, tra pozioni, alambicchi e spezie segrete. Dicono che sia più una strega bianca che una bartender: i suoi cocktail, infatti, nascono tutti con l’intento di scatenare reazioni chimiche incontrollabili.”Per questa notte vi consiglio una pozione dalle diverse sfaccettature, costruita sul colore rosso. Passione, forza, Marte in formato liquido, vittoria, insomma, tutte le tonalità del rosso per trasmettere lo spirito e l’intensità della passione. Il lampone fa da morbido e dolce letto dove spero vi adagierete. Il prezzemolo e il pepe? Beh, carattere. Per me una storia d’amore è esattamente come questo cocktail: dolce, intensa, con qualche ingrediente in più che stravolge l’attesa e stupisce al primo bacio.”

Fallo/a innamorare con il Cocito
5 ml vodka al pepe
5 gr di zucchero
Purea fresca di lamponi
Un ramettto di prezzemolo
Top di vino rosso fermo