Pinacoteca di Brera

Contatti

Pinacoteca di Brera Via Brera, 28
Milano

Orari

  • lunedi chiuso
  • martedi 08:30–19:15
  • mercoledi 08:30–19:15
  • giovedi 08:30–19:15
  • venerdi 08:30–19:15
  • sabato 08:30–19:15
  • domenica 08:30–19:15

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Scritto da Arrigo Razzini il 27 maggio 2015
Aggiornato il 30 giugno 2016

Eccolo il segreto più bastardo della città: a Milano i capolavori ci sono, ma si conoscono poco. Qualche anno fa, “La dama con l’ermellino” fu un abile trucco per risvegliare il sonno dei meneghini. Brera, cioè la Pinacoteca, è/era uno straordinario circolo virtuoso: gli studenti dell’Accademia sotto e la grande arte al piano nobile. Grande, anzi, grandissima arte: Caravaggio, i leonardeschi, Van Dyck, Rembrandt, il visionario Bramantino, il Cristo Morto del Mantenga, i due capolavori di Piero della Francesca. Si tratta di una carrellata quasi unica dai classici dall’arte pre-giottesca sino al ‘900. Senza concessioni. Nella storia della Pinacoteca due dominazioni cittadine: quella austriaca prima, e quella francese poi. È inutile dire quanto e come la sensibilità, il gusto e il rispetto siano stati figli della cultura. Milano vive da molti, forse troppi anni ormai, un’altra dominazione. Più subdola. Perché silenziosa e invisibile. E non parla affatto un’altra lingua. Andiamo e soprattutto ritorniamo alla Pinacoteca di Brera. Del resto, i rischi del “sonno della ragione” si conoscono bene.