Una volta bisognava aspettare la fine dell’anno per tirare le somme di un’intera annata. Non tanto per il tempo necessario a visitare tutte le novità, fare confronti e tirare le somme, quanto per raggiungere una massa critica tale poter parlare dire: «Ecco, questo è quello che è successo in un anno di ristorazione». Da un lustro a questa parte, invece, la velocità di apertura e il livello medio della qualità permettono, anzi, quasi obbligano a dover fare un primo bilancio a metà anno, per non perdersi poi su fogli e taccuini gli appunti presi durante i primi sei mesi. Certo, c’è sempre da chiedersi quanto questo vortice sia sostenibile, quanto vada ad abbattere la durata media di un locale e quali sono le qualità di chi riesce a resistere nel tempo e resistere a una concorrenza sempre più numerosa, ma, per il momento, chi investe in questo settore ritiene che ancora non sia il tempo dei nodi al pettine. Insomma, anche per questo 2019 siamo sicuri che a Roma non moriremo né di fame, né di sete. L’avanzata del mondo enogastronomico continua imperterrita e il trend di aperture e nuovi format non si arresta – anche se c’è una leggerissima decelerata per quel che riguarda i drink, in realtà sempre più inglobati in format che prevedono anche cucine e un po’ di intrattenimento. Tiene il ritorno alle origini, con molti luoghi che decidono di aprire riscoprendo i ricettari tradizionali (Locanda Abruzzese, Trippa, Osteria dell’ingegno o La Regola); si riscopre la qualità nella ristorazione etnica, sempre meno legata alle abbuffate a poco prezzo (Shiroya, Dorayaki, Lamian Bar); ci sono sorprese nell’hôtellerie, che cerca sempre di più di aprirsi al pubblico e non solo ai propri clienti (Jacopa, Hotel De La Ville) e la dimensione street si fa sempre sentire (Legs, Barretta, Chianchieria Gourmet). Non mancano i “folli” in fuga solitaria come il Geppy Sferra e il suo ristorante di Gelato o le ricette iperfusion di team di Bunker. Queste le nostre prime scelte per il best 2019, in attesa di conferme, smentite e recuperi. Mangiate e bevete, che per perdere peso c’è sempre tempo. Forse…

Contenuto pubblicato su ZeroRoma - 2019-07-16

Guarda la mappa
luoghi_categorie

Barbieri 23

Via dei Barbieri 23, Roma

luoghi_categorie

Barretta Pesce e Porchetta

Via del Governo Vecchio 90, Roma

luoghi_categorie

Bunker Kitchen Club

Via del Boccaccio 24, Roma

luoghi_categorie

Chiancheria Gourmet

Via Ostiense 52, Roma

luoghi_categorie
luoghi_categorie

Cresci

Via Alcide de Gasperi 17, Roma

luoghi_categorie

Dorayaki

Via del Porto Fluviale 3, Roma

luoghi_categorie
luoghi_categorie

Gelato D’Essai da Geppy Sferra

Via Tor de' Schiavi 295, Roma

luoghi_categorie
luoghi_categorie

Goccia - Ristoro Permanente

Via Prenestina 232, Roma

luoghi_categorie
luoghi_categorie
luoghi_categorie

Hotel De La Ville

Via Sistina 69, Roma

luoghi_categorie

Idylio by Apreda

Via di Santa Chiara 4, Roma

luoghi_categorie
luoghi_categorie

Jacopa

Via Jacopa de' Settesoli 7, Roma

luoghi_categorie

La Regola

Piazza di San Paolo alla Regola 40, Roma

luoghi_categorie

Lamian Bar

Via dei Conciatori 9, Roma

luoghi_categorie

Le Bollicine di Sara

Via Tuscolana 898, Roma

luoghi_categorie

Legs

Via delle Rose 54, Roma

luoghi_categorie

Locanda Abruzzese

Via Galvani 48, Roma

luoghi_categorie
luoghi_categorie

Matière - Bar à vin

Piazza Ottavilla 8, Roma

luoghi_categorie

Pesciolino

Via Belsiana 30, Roma

luoghi_categorie

Ristrot

Via Nazario Sauro 2, Roma

luoghi_categorie

Shiroya

Via de' Baullari 147, Roma

luoghi_categorie

TBSP - Gallia Lounge Restaurant

Via Gallia 83, Roma

luoghi_categorie

The Court

Via Labicana 125, Roma

luoghi_categorie

L'Osteria della Trippa

Via Goffedro Mameli 15, Roma

luoghi_categorie
luoghi_categorie

Vinsanto

Via Germanico 5, Roma