Anche quest’anno facciamo il punto sulla gastroesofagite della città, trasformatasi da patologia acuta a malattia cronica. Passato il periodo delle novità, quando ogni nuova apertura faceva notizia, siamo giunti al livello successivo: quello della resistenza agli attacchi del reflusso turistico. La consapevolezza che il limite fosse stato oltrepassato è arrivata finalmente a giugno 2019 con un decreto di stop triennale ai nuovi esercizi commerciali dentro le mura, anche se il progetto di una “city of food” viaggia ancora a vele spiegate. Ed ecco allora che nella proposta vincitrice per la svolta architettonica del Teatro Comunale e via del Guasto spunta un caffè, nel rinato Cinema Capitol un bar/bistrot e così via in deroga al decreto appena citato che ammette attività di somministrazione all’interno di teatri, cinema, librerie e musei, sfatando il mito che con la cultura non si mangia. Di qualche giorno fa anche la notizia del restyling del Mercato delle Erbe dove è al vaglio l’idea di eliminare la metà dei box ortofrutticoli e far spazio a sgabelli e tavolini. Tutto in linea con una visione che predilige la qualità della sosta a quella della vita.

In questa Bologna mordi e fuggi anche nel 2019 non sono mancate però le belle sorprese, luoghi in qualche modo diversi capaci di creare comunità, raccontare storie incredibili, sperimentare e farci divertire. Ed è arrivata anche la nostra prima Bar Marathon, una grande festa dedicata ai barman cittadini che ritornerà nel 2020.

Qui la nostra lista in ordine puramente casuale.

Ad could not be loaded.
Ad could not be loaded.