Macro Asilo

Zero qui: spera nel rilancio dell'arte contemporanea a Roma.

Contatti

Macro Asilo Via Nizza, 138
Roma

Orari

  • lunedi chiuso
  • martedi 10:30–19:30
  • mercoledi 10:30–19:30
  • giovedi 10:30–19:30
  • venerdi 10:30–19:30
  • sabato 10:30–19:30
  • domenica 10:30–19:30

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Risale all’inizio del XX secolo l’avamposto romano della Peroni, che il sciur Francesco fece costruire in via Reggio Emilia. Sul finire del millennio il Comune ne ha deciso il recupero, al fine di impiantarci il Museo d’Arte Contemporanea Roma. Il Museo ha una sua collezione permanente che viene "esposta ciclicamente attraverso percorsi tematici", ma la maggior parte dell’attenzione è rivolta alle mostre temporanee. Decisiva per il lancio definitivo della struttura è stata la direzione di Luca Massimo Barbero, con la quale è arrivata una nutrita serie di eventi che ha denotato un’apertura soprattutto verso le collaborazioni internazionali. Un’esperienza giunta al termine nel 2011 per soffocamento finanziario proprio, ironia della sorte, nell’anno in cui il museo ha completato il suo percorso architettonico affidato all’archistar Odile Decq, comprendente il nuovo ingresso, la terrazza ad accesso pubblico, la zona ristoro e una sala per conferenze e proiezioni. L’incertezza economica e l’immobilismo amministrativo che ancora non ne permettono l’indipendenza – fondamentale sarebbe potersi costituire come fondazione – stanno minando la qualità delle proposte e l’interesse da parte del pubblico nei suoi confronti. C’è da tenere duro per non perdere la rotta.